Adattatori Bluetooth con design miniaturizzato: guida alla scelta

Gli adattatori Bluetooth sono dei dispositivi elettronici che vi renderanno la vita molto più semplice. Hanno un costo davvero basso, sono facili da installare e utilizzare e possono connettere via Bluetooth ogni tipo di dispositivo elettronico: smartphone, tablet, pc, cuffie, tastiere, stampanti. Anche se questi device sono situati in stanze diverse o ad una distanza non troppo lontana, gli adattatori riescono a metterli in comunicazione tra loro in modo da poter trasferire dati e file.

La maggior parte degli adattatori si utilizza inserendoli nell’entrata USB del dispositivo che ci interessa. Altri modelli, quelli più adatti a sistemi audio come autoradio, hanno invece un’uscita con jack da 3,5 mm. In entrambi i casi, come vedremo in seguito, sono facilissimi da installare. Anche da parte delle persone più a digiuno per quanto riguarda la dimestichezza con la tecnologia.

Un’altra loro qualità è il design miniaturizzato. Alcuni modelli sono piccolissimi e della grandezza di una monetina da 1 euro. Così sono facili da trasportare ovunque vogliate in quanto non recano nessun ingombro. Anzi, il rischio è quello di perderli, talmente sono piccoli!

A questo proposito vi consigliamo o di tenere questi adattatori in una custodia o sacchetto oppure di lasciarli inseriti nel dispositivo che usate più spesso.

Installazione

Come già anticipato, gli adattatori sono semplici da installare. Molti di loro sono muniti di luce LED che vi avvisa quando sono in funzione e che quindi la loro installazione è andata a buon fine.

Solitamente sono tre le opzioni di installazione che vi si possono presentare:

  • se il modello che avete acquistato è del tipo “plug and play” allora installarlo sarà proprio un gioco da ragazzi! Inserire l’adattatore nell’entrata USB e, in pochi secondi, avrete la sincronizzazione. Ve ne accorgerete perché apparirà l’icona del Bluetooth sulla quale dovrete cliccare.
  • La seconda opzione richiede una maggiore partecipazione da parte dell’utente che dovrà installare l’adattatore tramite MINI CD. E’ comunque tutto molto semplice. Basterà seguire le indicazioni durante il processo di installazione che durerà poco più di un minuto.
  • L’ultima opzione è quella che comporta lo scaricamento dei driver sul sito della marca del modello che abbiamo acquistato. I driver possono essere di installazione ma anche di aggiornamento. Anche in questo caso, non vi preoccupate. Sarete guidati step by step e ci impiegherete pochissimo tempo

Come funziona il Bluetooth

Per capire le caratteristiche dell’adattatore Bluetooth e quindi scegliere il modello più consono alle nostre esigenze, sarò bene illustrarvi cos’è e come funziona la tecnologia Bluetooth.

Il Bluetooth è uno standard di trasmissione dati per reti personali senza fili (in gergo PAN o piconet) che consente a più dispositivi disposti entro un certo raggio d’azione di comunicare tra loro. Dunque si viene a creare una rete sicura e condivisa che consente agli utenti di trasferire informazioni in tutta sicurezza e tranquillità.

Venne ideato nel 1994 dall’azienda Ericsson per poi essere assorbito alla fine degli anni ’90 dalla Bluetooth SIG (Special Interest Group) tra i cui componenti ricordiamo colossi come Nokia, Intel e Sony. Il loro obiettivo era disporre di una tecnologia che aiutasse ad abbassare sia i costi di produzione che di consumo.

Le origini del nome Bluetooth

Il Bluetooth si appoggia alle frequenze radio il cui campo di azione è sui 2,45 GHz e il suo famoso simbolo deriva dall’unione delle due rune nordiche che stanno per “H” e “B” che sono le iniziali di un re danese vissuto nel decimo secolo d.C.: re Harald Blåtand.

Alcuni dicono che gli ideatori del Bluetooth si siano ispirati a re Harald perché veniva chiamato “Dente azzurro” a causa della sua grande passione per i mirtilli.

Ma la versione più accreditata riguardo l’origine del nome “Bluetooth” afferma che il nome derivi da re Harald in quanto, così come lui seppe riunire le diversissime popolazione della penisola scandinava sotto un’unica nazione, così anche la tecnologia Bluetooth riunisce dispostivi di vario tipo in un’unica rete condivisa.

Caratteristiche: classe e versione

Quando parliamo di Bluetooth e di adattatore, due sono le caratteristiche principali che dovrete considerare durante (e prima) il vostro acquisto: la classe e la versione.

Ad oggi, sono 4 le classi del Bluetooth che sono importantissime perché ci indicano la sua potenza di trasmissione e il suo raggio d’azione.

I modelli sul mercato appartengono, principalmente, alla classe 2 che comporta un raggio d’azione di 10 metri (ma alcuni arrivano anche a 20 metri) e una potenza di 2,5 mW. La classe 1 invece è quella che regala le più alte prestazioni con i suoi 100 metri di copertura e i 100 mW di potenza.

Per quanto riguarda la versione, l’ultimissima risale a gennaio 2019 ed è la 5.1. La maggior parte degli adattatori in vendita avrà una versione 4.0 oppure 5.0. Sono ottime perché consentono connessioni rapide, eliminazione delle interferenze e velocità di trasferimento dati di circa 50 Mb/s.

Modelli con design miniaturizzato: prezzi e marche

Dunque se volete acquistare un adattatore dal design miniaturizzato, vi consigliamo i modelli di marche come Hommie, TP-Link, Asus, Maxesla, Mpow.

Hanno un costo tra gli 8 e i 20 euro e offrono ottime prestazioni come versione 4.0 oppure 5.0 e raggio d’azione fino a 20 metri. La maggior parte è anche del tipo “plug and play” quindi facilissimi da installare.

Mi chiamo Roberta ed ho una grande passione per la scrittura. Ho studiato cinema e svolgo varie collaborazioni con realtà audiovisive. Sono curiosa e mi piace affrontare ogni argomento raccontandolo con semplicità e entusiasmo. Mi appassionano il mondo della tecnologia, della natura e quello della casa.

Back to top
menu
adattatoribluetooth.it