Accorgimenti per utilizzare correttamente un adattatore Bluetooth

Gli adattatori Bluetooth sono dei piccoli ma utilissimi dispositivi elettronici. Grandi quanto una monetina da 1 euro, vi sorprenderanno per quanti vantaggi vi potranno regalare. Inoltre hanno un prezzo molto economico. Alcuni modelli constano anche meno di 10 euro. Vedrete che, dopo il primo utilizzo, non potrete più farne a meno!

Gli adattatori ti consentono di connettere più dispositivi contemporaneamente in modalità wireless. Finalmente ti potrai liberare dall’impiccio di cavi e fili. Può sembrare un aspetto di poco conto, eppure, col passare del tempo, ti potrai rendere conto di quanto più libero sarai negli spostamenti all’interno di una stanza.

Dunque potrai connettere tra loro dispositivi di diverso genere come smartphone, pc, stampanti, cuffie, tablet e trasferire dati e informazioni, avvalendoti della tecnologia Bluetooth. Dispositivi che possono essere presenti nella stessa stanza o in stanze diverse entro una certo raggio d’azione.

Adattatore: istruzioni per l’uso corretto

Usare un adattatore Bluetooth è davvero facile. Anche i più digiuni di tecnologia non troveranno alcuna difficoltà. Per prima cosa bisogna inserire l’adattatore nell’entrata USB del nostro dispositivo. Alcuni hanno un jack da 3,5 mm che va inserito nell’ingresso AUX del nostro stereo o auto-radio.

Se il tuo pc non ha l’entrata USB 3.0 (le riconosci perchè sono rettangolari) ma di porta USB-C di tipo ovale, dovrai procurarti un adattatore supplementare.

Dopodiché, se il nostro è un adattatore del tipo “plug and play”, vedrete che vi basterà inserirlo e in pochi secondi si attuerà la sincronizzazione e l’accoppiamento (pairing). Ve ne accorgerete perchè comparirà l’icona del Bluetooth in basso a destra della barra delle applicazioni (se avete Windows) oppure in alto a destra (se avete Mac) e ci dovrete cliccare sopra. Queste operazioni richiederanno circa 30 secondi.

Può darsi però che l’adattatore da te scelto richieda l’installazione tramite MINI CD compreso nella confezione. Non ti allarmare, basterà seguire le varie indicazioni e cliccare sulle varie finestre, finchè non sarà completato l’intero processo.

Se invece devi aggiornare i driver, vai su Google e digita, assieme alla parola “driver” anche il nome del tuo modello di adattatore e la marca. Verrai indirizzato alle varie operazioni da compiere. Dunque, al di là della modalità di installazione, alcune più immediate, altre che richiedono un po’ più di tempo e azioni da parte dell’utente, utilizzare un adattatore Bluetooth, come avrete capito, è davvero facile!

Il pairing

Come già accennato, quando parliamo di Bluetooth e degli adattatori, è molto importante il concetto di accoppiamento o pairing. Cioè i due dispositivi che si devono connettere, si devono riconoscere, “annusare” e accettarsi reciprocamente.

Il Bluetooth segue un approccio master/slave: un dispositivo master (come ad esempio un computer) fa una ricerca attorno alla sua area per captare se ci sono dispositivi con cui può connettersi. Una volta trovato il dispositivo slave (come un mouse o una stampante), gli chiede di “connettersi con lui”. Una volta che lo slave accetta, si può avviare la comunicazione o il trasferimento di dati tra loro.

Caratteristiche del Bluetooth

Il Bluetooth è una tecnologia introdotta verso la metà degli anni ’90 dall’azienda Ericsson per poi essere assorbita dalla Bluetooth SIG (Special Interest Group) composta, oltre che da Ericsson, anche da Nokia, Intel e Sony. Fu una vera rivoluzione. Perchè ha permesso di creare un modo di comunicare veloce, sicuro ed economico. Ha abbassato inoltre i costi sia di produzione dei dispositivi compatibili sia dei consumi.

Come funziona il Bluetooth? E’ uno standard tecnologico che permette a due o più dispositivi di trasferire dati tra loro grazie a frequenze radio a corto raggio d’azione (solitamente una decina di metri). Si viene a creare una rete condivisa senza fili detta PAN o piconet tra più dispositivi elettronici di diverso tipo (possono connettersi fino ad 8 dispositivi).

Il Bluetooth, dalla fine degli anni ’90 ad oggi, ha avuto 5 versioni. La maggior parte dei modelli in vendita ha almeno una versione 4.0 oppure quella 5.0. Avere un adattatore Bluetooth con una versione aggiornata è importante perchè permette di avere:

  • connessioni più rapide
  • riduzione di interferenze
  • velocità di trasferimento fino a 50 Mb/s

Classe

Ad oggi, il Bluetooth ha 4 classi che si differenziano in base alla potenza di trasmissione (misurata in milliwatt) e in raggio d’azione (calcolato in metri). Vediamole nel dettaglio:

  • classe 1: ha potenza 100 mW e distanza coperta di 100 metri
  • classe 2: ha raggio d’azione di 10 metri (ma può arrivare anche a 20 m) e potenza di 2,5 mW
  • classe 3: ha potenza di 1 mW e raggio d’azione di 1 metro
  • classe 4: con potenza di 0,5 mW, ha un raggio d’azione di circa 0,5 metri

In commercio troverete modelli che appartengono alla classe 2 che dunque vi permettono una discreta potenza e un buon raggio d’azione che vi consente di trasferire dati anche tra stanze diverse o anche in spazi aperti.

Prezzi e marche

Gli adattatori Bluetooth hanno un prezzo davvero basso: tra gli 8 e i 14 euro. Come marche vi ricordiamo Hommie, TP-Link, Mpow e Maxesla.

Se però avete un Mac oppure volete un adattatore adatto a video-giocare con la PS4, vi consigliamo i modelli di marche come Avantree o 1mii. Hanno un prezzo leggermente superiore alla media, sui 25-30 euro, ma vedrete che vi daranno grandi soddisfazioni!

Mi chiamo Roberta ed ho una grande passione per la scrittura. Ho studiato cinema e svolgo varie collaborazioni con realtà audiovisive. Sono curiosa e mi piace affrontare ogni argomento raccontandolo con semplicità e entusiasmo. Mi appassionano il mondo della tecnologia, della natura e quello della casa.

Back to top
menu
adattatoribluetooth.it